Seleziona una pagina
View Calendar
2021-07-24 20:00 - 23:59

il programma completo 

ClassicheFORME 2021: UNA SETTIMANA DI GRANDE MUSICA NEL SALENTO

Con Room 237, la nuova commissione a Carlo Boccadoro in prima esecuzione assoluta,

al via la prossima domenica, 18 luglio, la quinta edizione del Festival Internazionale di Musica da Camera, fondato e diretto dalla pianista Beatrice Rana

 

Accanto alla direttrice artistica, sono protagonisti ospiti dall'Europa quali

Renaud Capuçon, Pablo Ferrández, Liya Petrova e Grégoire Vecchioni

e giovani talenti italiani come Andrea Obiso, Ludovica Rana e Massimo Spada

 

 10 appuntamenti a Lecce e provincia fino al 24 luglio

tra cui un’intera giornata dedicata a Stravinskij per celebrare il cinquantesimo anniversario della sua morte, due concerti destinati a formazioni di artisti emergenti e, novità di quest’anno, due eventi “In campo aperto” sulla scena di tipici paesaggi rurali salentini

*****

Con un affascinante programma che prevede, tra l’altro, la prima esecuzione assoluta di Room 237, la nuova commissione a Carlo Boccadoro, prende il via la prossima domenica, 18 luglio, la quinta edizione di ClassicheFORME, il Festival Internazionale di Musica da Camera fondato e diretto dalla pianista Beatrice Rana.

Fino al 24 luglio, un'intera settimana di musica all'aperto dal vivo, con dieci appuntamenti che si snodano tra alcuni dei luoghi più suggestivi di Lecce e provincia e grandi interpreti del panorama italiano ed europeo.

Tra gli ospiti internazionali del Festival 2021, infatti, uno dei più affermati violinisti di oggi, il francese Renaud Capuçon, che si esibisce regolarmente con compagini prestigiose come i Berliner Philharmoniker o la London Symphony Orchestra e che recentemente ha suonato con Beatrice Rana a Madrid, per la prima volta ospite di ClassicheFORME. E ancora la violinista bulgara Liya Petrova, vincitrice del primo premio al Concorso internazionale danese Carl Nielsen nel 2016, il violoncellista spagnolo Pablo Ferrández, premiato al XV Concorso Čajkovskij e già apprezzato ospite della prima edizione del Festival, e il francese Grégoire Vecchioni, viola dell'Orchestra dell'Opéra di Parigi.

Tra i giovani talenti italiani protagonisti, il primo violino dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia Andrea Obiso, che torna dopo l'edizione dello scorso anno, la ventiseienne violoncellista salentina Ludovica Rana, sorella di Beatrice, vincitrice di numerosi concorsi come il “Grand Prize Virtuoso” di Vienna e il “Young Virtuoso Award” al concorso Manhattan di New York, e ancora il pianista Massimo Spada che si è esibito al Parco della Musica di Roma e al Festival MITO a Torino.

Dopo quattro edizioni con “formula weekend”, per il suo quinto compleanno il Festival decide di ampliarsi e di offrire al pubblico una ricca proposta su sette giorni consecutivi articolata in quattro concerti serali principali (18, 21, 23 e 24 luglio, tutti nel Chiostro del Rettorato dell'Università del Salento a Lecce alle 21.00), un concerto serale extra dal titolo “Capitoli pugliesi” con il giovane Trio Orione (19 luglio, nell'Ortale del Teatro Koreja di Lecce alle 21.00), due concerti “In campo aperto” con programma a sorpresa (20 e 22 luglio, presso l'Azienda Agricola “Taurino” a Squinzano e nella Masseria “Le Stanzie” di Supersano, alle 19.30), due appuntamenti del progetto “ClassicheFORME Young” (21 luglio con il Trio Chagall e 23 luglio con il Trio Eidos, nel Chiostro Convitto Palmieri di Lecce alle 19.00) e una conversazione su Igor Stravinskij – nell'ambito di una giornata a lui dedicata – per celebrare i cinquant'anni dalla morte del compositore russo (21 luglio, nella Biblioteca Bernardini di Lecce alle 11.00, con Carlo Boccadoro e Marcello Panni e Gastón Fournier-Facio).

«Chi mi conosce da vicino sa del mio profondo amore e dell’indissolubile legame che mi unisce a Lecce, alle tradizioni, ai profumi e ai colori del Salento. Mi piace pensare a ClassicheFORME quasi come fosse un rito ancestrale che mi porta, ogni anno, per almeno qualche giorno, in diretta comunione con la mia terra. Questa V edizione è particolarmente sentita: non solo per via delle sue dimensioni più ampie, ma perché è stata pensata e programmata dopo un periodo tanto difficile per tutti noi musicisti. Il programma del Festival – prosegue la pianista – prevederà momenti celebrativi di un importante anniversario, brani della grande tradizione cameristica, l’esecuzione della composizione dell’amico Carlo Boccadoro per il Festival, due concerti destinati a formazioni di artisti emergenti e due eventi che saranno realizzati “In campo aperto”. Per questi ultimi ho voluto pensare a un luogo in cui non esistono palchi e divisioni con il pubblico, non esistono etichette tra artisti emergenti e artisti affermati, ma a un luogo “aperto” in cui far immergere l'ascoltatore; un luogo in cui musica e natura vibreranno sulle stesse onde e gli spettatori saranno circondati da paesaggi mozzafiato». Così Beatrice Rana, considerata tra le migliori pianiste under30, elogiata dal «New York Times» per il suo felice debutto alla Carnegie Hall nel 2019, eletta nel 2018 “Artista Femminile dell’Anno” ai Classic BRIT Awards della Royal Albert Hall di Londra e artista esclusiva Warner Classics. Il suo festival ClassicheFORME è stato premiato fin dalla nascita, nel 2017, dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha ricevuto l'EFFE Label 2019-2020 dall'European Festivals Association, confermato anche per il 2021, e dallo scorso anno vanta come Presidente Onorario Sir Antonio Pappano.

Organizzato dall'Associazione “Opera Prima”, ClassicheFORME 2021 è realizzato grazie al sostegno dell'Assessorato all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, rappresentato da Massimo Bray. Un sentito ringraziamento va anche all’Amministrazione Comunale di Lecce, al Sindaco Carlo Salvemini e all’Assessora Fabiana Cicirillo, con cui è nata una nuova ed entusiasmante collaborazione, all’Università del Salento e al Rettore Fabio Pollice, alla Fondazione Puglia, al Borletti Buitoni Trust, che ha finanziato le prime tre edizioni del Festival, e allo sponsor Libera Terra.

Prosegue, inoltre, per questa V edizione l'importante media partnership di Rai Radio 3, che trasmetterà le serate di ClassicheFORME 2021 in un’apposita rubrica dedicata ai Festival Italiani più rappresentativi.

Anche per l’edizione 2021 si conferma l’attribuzione della prestigiosa EFFE Label da parte dell’European Festivals Association, supportata dalla Commissione e dal Parlamento Europeo. Dalla IV edizione il Festival ha come Presidente Onorario Sir Antonio Pappano, bacchetta tra le più amate dal pubblico internazionale, Direttore Musicale dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e della Royal Opera House di Londra.

Prezzi: 20 euro per i 4 concerti serali principali (ridotto under30 a 15 euro); 15 euro per i 2 concerti “In campo aperto” (ridotto under30 a 10 euro); 5 euro per i 2 concerti di “ClassicheFORME Young” e per il serale “Capitoli pugliesi”.

La conversazione dedicata a Stravinskij del 23 luglio alle ore 11 è a ingresso gratuito.

L’accesso a tutti gli eventi avverrà in ottemperanza alle normative anti Covid-19 e nel rispetto delle misure di sicurezza previste.

Dettagli su www.classicheforme.com

Info: info@classicheforme.com

Tel. +39.393.1948557 - +39.334.2428633

DETTAGLI PROGRAMMA ClassicheFORME 2021

4 concerti serali principali

I quattro concerti serali principali del Festival sono tutti previsti alle ore 21.00 nel suggestivo Chiostro del Rettorato dell'Università del Salento a Lecce. Si inaugura domenica 18 luglio con la pianista Beatrice Rana, i violinisti Andrea Obiso e Liya Petrova, il violista Grégoire Vecchioni e la violoncellista Ludovica Rana per un programma che prevede la prima esecuzione assoluta di Room 237 per violino, violoncello e pianoforte, commissione di ClassicheFORME al compositore Carlo Boccadoro, poi di Langsamer Satz per quartetto d’archi WoO 6 di Anton Webern e del Quintetto per pianoforte n. 2 Op. 81 di Antonín Dvořák.

Si prosegue mercoledì 21 luglio con un concerto intitolato “Le Sacre du Printemps”, nella giornata dedicata a Stravinskij, che vede l'esecuzione del brano omonimo nella versione originale dell’autore per pianoforte a 4 mani interpretata da Beatrice Rana e Massimo Spada. Completano il programma la Sonata per violoncello e pianoforte n. 3 Op. 69 di Ludwig van Beethoven e le Fughe per quartetto d'archi n.2, n.3 e n.5 K 405 trascritte da Wolfgang Amadeus Mozart dal Clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach: la Sonata è interpretata da Pablo Ferrández e Beatrice Rana mentre le Fughe da Obiso, Petrova, Vecchioni e Ludovica Rana. A dare forza espressiva alla serata anche le scenografie multimediali studiate per l’occasione dall’artista salentino Hermes Mangialardo, ispirandosi alle musiche in esecuzione.

Beatrice Rana con Ferrández, Obiso, Petrova, Vecchioni e Ludovica Rana suonano anche venerdì 23 luglio nel concerto dal titolo “Sonata a Kreutzer”, che evoca due dei brani proposti, ovvero il Quartetto per archi n. 1 VII/8 di Leoš Janáček, ispirato al libro “La sonata a Kreutzer” di Tolstoj, e la “Sonata a Kreutzer” di Beethoven, nella versione originale dello stesso autore per quintetto d’archi, cui si aggiunge il Trio élégiaque per pianoforte, violino e violoncello Op. 9 di Sergej Rachmaninov.

Il Festival si chiude sabato 24 luglio con un recital che vede sul palco la star francese del violino Renaud Capuçon e Beatrice Rana per interpretare la Sonata n. 1 in fa minore per violino e pianoforte Op. 80 e n. 2 in re maggiore op. 94 bis di Sergej Prokof'ev e ancora la Sonata n.1 in la minore per violino e pianoforte Op. 105 di Robert Schumann.

 

1 concerto serale extra

S'intitola “Capitoli pugliesi” il concerto in programma lunedì 19 luglio alle 21.00 nell'Ortale del Teatro Koreja di Lecce, con il giovane Trio Orione – composto dal clarinettista Gianluigi Caldarola, dalla violoncellista Ludovica Rana e dalla pianista Stefania Argentieri – che propone il Trio in si bemolle Maggiore Op. 11 di Beethoven, e alcune pagine di compositori italiani del Novecento come Nino Rota (Trio per clarinetto, violoncello e pianoforte), Teresa Procaccini (Trio Op. 36) e Raffaele Gervasio (Capitoli Op. 132 / CG 126).

 

2 concerti “In campo aperto”

Novità assoluta di questa quinta edizione sono i due concerti “In campo aperto”. Dopo il successo dell'anteprima del Festival 2019, che aveva portato la musica in un campo di ulivi, due sono gli appuntamenti da non perdere per vivere un'esperienza in luoghi iconici della terra salentina, immersi nella natura, in un contesto dove non esistono palcoscenici e distanze tra interpreti e pubblico.

Martedì 20 luglio alle 19.30 presso l'Azienda Agricola “Taurino” a Squinzano (Lecce), nota per i suoi uliveti, si possono ascoltare alcuni musicisti dei concerti serali principali, quali Obiso, Ferrández, Spada e Beatrice Rana, accanto ai giovani talenti del Trio Chagall formato da Edoardo Grieco (violino), Francesco Massimino (violoncello) e Lorenzo Nguyen (pianoforte).

Giovedì 22 luglio alle 19.30 nella Masseria “Le Stanzie” di Supersano (Lecce), celebre per i caratteristici pomodori “te pendula” (appesi), l'evento è concepito come un concerto itinerante: un percorso narrativo tra la musica e questo luogo così caratteristico. Protagonisti ancora Obiso, Petrova, Vecchioni, le sorelle Rana, insieme a Spada, e con loro il giovanissimo Trio Eidos composto da Ivos Margoni (violino), Stefano Bruno (violoncello) e Giulia Loperfido (pianoforte). Contribuisce alla serata anche l’autrice Giulia Maria Falzea con un testo, “Io sono il tempo”, cucito appositamente per ClassicheFORME, la cui interpretazione è affidata ad Emanuela Pisicchio, attrice del Teatro Koreja di Lecce.

Il programma dei due concerti è a sorpresa e verrà svelato solo al termine dell'esibizione.

 

1 conversazione su Stravinskij nella giornata a lui dedicata

ClassicheFORME 2021 omaggia Igor Stravinskij, in occasione del cinquantenario della morte, nella giornata di mercoledì 21 luglio. Oltre al concerto serale dedicato al “Sacre”, la mattina alle 11.00 presso la Biblioteca Bernardini di Lecce si tiene una conversazione sul grande musicista russo con relatori d'eccezione come i compositori Carlo Boccadoro e Marcello Panni e il musicologo Gastón Fournier-Facio. Modera l'incontro la giornalista e critica musicale Fiorella Sassanelli.

 

2 appuntamenti con “ClassicheFORME Young”

La valorizzazione dei giovani talenti del territorio è da sempre uno degli obiettivi del Festival di Beatrice Rana. Tornano, quindi, come nel 2019, i concerti di “ClassicheFORME Young”, che per questa nuova occasione sono in programma nel Chiostro Convitto Palmieri di Lecce alle 19.00. Il primo appuntamento è previsto mercoledì 21 luglio con il Trio Chagall, che interpreta il Trio per pianoforte in re maggiore op. 70 n. 1 “Spettri” di Beethoven e il Trio in si maggiore op. 8 di Johannes Brahms, mentre il secondo, venerdì 23 luglio, con il Trio Eidos che propone il Trio n.3 op. 1 di Beethoven, il Trio n. 1 op. 8 di Dmitrij Šostakovič e il Trio n. 3 op. 101 di Brahms, tutti nella stessa tonalità di do minore. 

Ufficio stampa nazionale

Skill & Music

Irene Sala
M. +39.339.1010571

E-mail: irene@skillandmusic.com

www.skillandmusic.com

 

Ufficio stampa regionale

Azzurra De Razza

  1. +39.338.7755897

E-mail: azzurraderazza@gmail.com

Concerto Cantine Coppola 1489

Festival Internazione di Musica da camera

Related upcoming events

  • 2023-02-07 19:00 - 2023-02-07 23:59
    MARTEDÌ 7 FEBBRAIO LA DISTILLERIA DE GIORGI DI SAN CESARIO DI LECCE OSPITA IL SECONDO APPUNTAMENTO DI PAROLE A SUD, RASSEGNA DI LIBRI PROMOSSA DA ASTRAGALI TEATRO.


    Nella Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce con "Parole a sud" prosegue il progetto "Teatri a Sud", ideato e promosso dalla compagnia salentina Astràgali Teatro con il sostegno di Ministero della CulturaRegione Puglia e Comune di San Cesario di LecceMartedì 7 febbraio (ore 19 - ingresso libero) secondo appuntamento della rassegna con la presentazione di "Grotowski e la ricerca del dramma oggettivo" della compianta studiosa statunitense Lisa Wolford, pubblicato in Italia da Astràgali Edizioni a cura di Fabio Tolledi che firma la traduzione con Roberta Quarta
    Uscito nel 1996, il libro affronta un periodo non molto conosciuto del lavoro di Jerzy Grotowski, noto come “Objective Drama”, svolto negli Stati Uniti tra il 1983 e il 1992, e ha il merito di indagare, dall’interno, il processo conoscitivo della pratica grotowskiana, una pratica di conoscenza che rende il teatro una forma essenziale tra i viventi. L’Objective Drama, in quanto anello di congiunzione tra differenti momenti del lavoro di Grotowski, ci fornisce un piccolo ulteriore passo alla comprensione dell’attività di uno dei massimi maestri del teatro del XX secolo. Lisa Wolford ha insegnato Teatro alla Bowling Green State University, per poi passare all’insegnamento di Drammaturgia alla York University. Nel 1997 ha curato con Richard Schechner il “Grotowski Sourcebook”, considerato ad oggi uno degli studi più autorevoli sul regista polacco. È morta prematuramente nel 2008. Suoi articoli sono apparsi in numerose riviste tra cui TDR, New Theatre Quarterly, Slavic and East European Performance, Contemporary Theatre Review, e Canadian Theatre Review. È stata inoltre Dramaturg per il Labyrinth Theatre di Cleveland. La rassegna proseguirà con "Carta poetica del Sud. Poesia italiana contemporanea e spazio meridiano" di Simone Giorgino, uscito per Musicaos editore (mercoledì 15 - ore 19) e "Mantichora - Italian journal of performance studies", rivista annuale diretta da Dario Tomasello per le Edizioni del Museo Pasqualino (martedì 28 - ore 19). Ingresso libero. Info  3892105991 |teatro@astragali.org | www.astragali.it | www.distilleriadegiorgi.eu.


    PROSSIMI APPUNTAMENTI

    Mercoledì 15 febbraio (ore 19 - ingresso libero) spazio a "Carta poetica del Sud. Poesia italiana contemporanea e spazio meridiano" del poeta e ricercatore Simone Giorgino (Musicaos editore). «Faremo un giorno una carta poetica del Sud; e non importa se toccherà la Magna Grecia ancora, il suo cielo sopra le immagini imperturbabili d’innocenza e di sensi accecanti. Là forse sta nascendo la permanenza della poesia»,  scriveva Salvatore Quasimodo nel suo saggio "Discorso sulla poesia" (1953). Lavorando sulle relazioni che intercorrono fra letteratura e geografia, e cioè su un’idea di spazio geografico inteso come veicolo di interpretazione testuale e, insieme, su un’idea di spazio letterario inteso come strumento per comprendere l’identità plurale di un territorio, questo libro prende spunto proprio dall’intuizione di Quasimodo per proporre una mappatura e un approfondimento delle più significative esperienze poetiche contemporanee che si sono sviluppate nell’Italia meridionale, cioè in un’area tradizionalmente trascurata dal dibattito critico più influente, con l’obiettivo di isolare, attraverso l’analisi di alcuni testi esemplari, le caratteristiche essenziali di un immaginario legato-al-luogo.

    Martedì 28 febbraio (ore 19 - ingresso libero), infine, "Parole a sud" si concluderà con la presentazione del nuovo numero della rivista annuale "Mantichora. Italian Journal of Performance Studies" a cura di Dario Tomasello (Edizioni Museo Pasqualino) sul tema "La dodicesima notte". «C’è in Etiopia un animale chiamato Mantichora, il quale ha tre ordini di denti connessi come quelli di un pettine, faccia e orecchie d’uomo, occhi azzurri, corpo cremisi di leone, e coda terminante in aculeo come di scorpione. Corre con una somma rapidità ed è amantissimo della carne umana; la sua voce è come un concerto di flauto e tromba», annuncia Borges, citando Plinio, nel Manuale di Zoologia Fantastica. «Immaginando una chimera adeguata al sogno di un progetto scientifico ibrido e multiforme, quale altra silhouette avrebbe potuto stagliarsi all’orizzonte se non la prodigiosa creatura?», sottolinea Dario Tomasello. «L’idea di una rivista dedicata agli studi sulla performatività delle arti si colloca nel solco di un rinnovato approccio metodologico che tenga conto del carattere “aperto” e reticolare della cultura contemporanea».

    La compagnia Astràgali Teatro nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, formare attori e dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche. Riconosciuta dal 1985 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d'innovazione, dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco ed è membro dell’Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Ha realizzato progetti artistici, spettacoli, attività in circa 30 paesi in tutto il mondo. Nel corso di questi anni numerosi spettacoli hanno trovato casa in molti luoghi di grande interesse culturale in Italia e all'estero, anche in siti patrimonio dell'umanità dell'Unesco.

    Info
    3892105991 - teatro@astragali.org
    www.astragali.it - www.distilleriadegiorgi.eu

    Ufficio Stampa
    Società Cooperativa Coolclub
    Piazzetta Cloe Elmo 10 - 73100 Lecce
    www.coolclub.it - ufficiostampa@coolclub.it - 0832303707
    Pierpaolo Lala - pierpaolo@coolclub.it - 3394313397

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com