Seleziona una pagina
View Calendar
2019-11-08 22:00 - 23:59

Castello Volante di Corigliano d'Otranto

Castello de' Monti, 73022 Corigliano d'Otranto
Venerdì 8 novembre (ore 21 - ingresso libero) nelle sale del Castello Volante di Corigliano d'Otranto con il concerto de La Répétition Orchestra senza confini si conclude Open Call Pratiche corporee. Il progetto dell'associazione culturale la Fabbrica dei Gesti, con la direzione artistica di Stefania Mariano, co-finanziato dal programma straordinario 2018 in materia di cultura e spettacolo della Regione Puglia, ha proposto un intenso percorso di formazione dedicato alla danza che ha coinvolto maestri di livello internazionale come, tra gli altri, Marcello Bulgarelli, Giorgio Rossi, Claude Coldy, Paolo Cingolani e Rita Petrone.

Anticipato in estate dal singolo "Siamo Uguali", durante la serata sarà presentato "Mondo!", cd d'esordio de La Répétition – Orchestra senza confini, prodotto da Finisterre con il sostegno di Puglia Sounds Record 2019. Il progetto, diretto da Claudio Prima e Giovanni Martella, nasce nel marzo del 2017, con l'obiettivo di far incontrare la musica tradizionale del West Africa e il sound del nuovo Salento, crocevia di popoli, e unisce musicisti italiani e africani nella creazione di un repertorio inedito.

Il tour di presentazione proseguirà sabato 9 novembre (ore 21 - ingresso libero) all'Ex Fadda di San Vito Dei Normanni, venerdì 15 novembre (ore 21 - ingresso libero) al Teatro dell'Acquario di Cosenza e sabato 16 novembre (ore 21 - ingresso libero) al Mamma Li Turchi di Tricase Porto. I concerti di San Vito dei Normanni e Tricase sono inseriti nella programmazione della rassegna MareAperto (sostenuta dalla Regione Puglia).

Il progetto prende forma durante alcune session aperte alle Manifatture Knos e successivamente grazie a workshop con esponenti internazionali della musica WestAfricana. Durante le session, i musicisti hanno incontrato Meissa Ndiaye (Senegal), Somieh Murigu (Kenya) e Mike E. Eghe (Nigeria) con i quali hanno esplorato i canoni della musica tradizionale dei rispettivi paesi di provenienza. I tre sono tuttora membri stabili dell’orchestra. A settembre del 2018 La Répétition incrocia, poi, il lavoro dei maestri Ousmane Coulibaly e Petìt “Solo” Diabaté, artisti del Burkina Faso riconosciuti a livello internazionale, per esplorare il sound della musica Burkinabé. Nel Gennaio 2019, l’orchestra incontra per un nuovo approfondimento Oumar Kone, fuoriclasse maliano del Djembé. Il risultato di questo processo è un’orchestra multietnica che fonde sonorità westafricane, mediterranee e salentine in un linguaggio moderno e originale, costituito da una potente sezione ritmica di djembe, ngoma, dundun, cuore pulsante del progetto, che, insieme a balafon e kamalé ngonì, conserva il contatto con la tradizione africana, da un’ampia sezione fiati, chitarra elettrica e basso e da oud, violino e organetto che tracciano un ponte ideale con Mediterraneo e Salento.

Le quattro voci dell’orchestra sono Claudio Prima, leader salentino di BandAdriatica e autore di numerosi progetti musicali ‘di confine’, il nigeriano Mike Eghe, Rachele Andrioli, talento ormai affermato sul panorama della world music italiana e internazionale, e la giovane Claudia Giannotta, protagonista insieme a Giovanni Martella (batteria, balafon) delle ricerche musicali in Burkina Faso, che sono state il preludio di questo progetto.

L'Orchestra è completata da Morris Pellizzari (chitarra elettrica, kamelé ngonì), Riccardo Basile (basso elettrico), Antonio Alemanno (oud), Caterina Calò (violino), Lorenzo Lorenzoni ed Elia Leardi (trombone), Giovanni Chirico (sax tenore, sax baritono), Luca Ferro e Marco De Paola (tromba), Federico Laganà (tamburi a cornice, kalabasse), Alessandro Chiga (tamburi a cornice, darbouka), Meissa Ndiaye e Luigi Colella (djembé), Somieh Mourigu (dundun). In alcuni brani del disco si aggiunge al djembé anche Oumar Kone.

In occasione dell’esibizione al festival Sud Est Indipendente 2018, la Répétition ha accolto nella sua formazione anche due ragazzi non udenti dell’associazione Poiésis, cercando insieme a loro di superare il confine della disabilità sperimentando una nuova forma di integrazione musicale. Il progetto infatti, veicola valori di inclusione e intercultura centrali in questo periodo storico, grazie alla musica, che abbatte di fatto, ogni confine. Il percorso creativo alla base del progetto prende spunto da una modalità Burkinabé di condivisione del momento musicale osservato e condiviso da Giovanni Martella al ritorno da un suo viaggio di ricerca in Burkina Faso. In un luogo chiamato “Maison De Jeunes”, gli artisti e gli appassionati di musica e danza della città di Bobo Dioulasso, capitale musicale del Burkina Faso, sono soliti ritrovarsi spontaneamente ogni sera per suonare, danzare, migliorarsi e realizzare gradualmente uno spettacolo completo e organico, in continuo mutamento; questi momenti sono chiamati dai Burkinabè “Repetitiòn”. L’orchestra ha riprodotto inizialmente queste sessioni a Lecce, invitando attorno ad un’idea comune una serie di musicisti che avevano fino a quel momento intrapreso un percorso di ricerca analogo. Da queste sessioni è nato un repertorio originale e inedito, che grazie a testi, composizioni e arrangiamenti inediti, rappresenta un vero e proprio ponte tra le culture westafricane e mediterranee, indicandone i punti di contatto e le opportunità di dialogo. I testi dei brani che compongono il cd contengono alcuni stralci di brani tradizionali in bambarà e wolof, ai quali sono affiancati testi inediti in italiano, inglese e dialetto salentino. Info www.larepetition.com

Pratiche Corporeee ha proposto un programma di percorsi di studio e di formazione orientato alla scoperta, allo studio e alla sperimentazione di arti sceniche, espressive e performative con danzatori, attori, registi, coreografi conosciuti e apprezzati in Italia e all'estero. La Fabbrica dei Gesti, nata nel 2007, diretta da Stefania Mariano è uno strumento di ricerca artistico, creativo, espressivo, attraverso il quale fare esperienza, vivere e viversi, entrando in relazione con se stessi e con l'altro. È un "canale di trasmissione" che trasferisce pratiche, contenuti, metodologie, strumenti, informazioni, attraverso cui poter ricercare e ri-cercarsi, esplorare ed esplorarsi, osservare ed osservarsi. Dal 2013, inoltre Stefania Mariano, danzatrice e coreografa, Marcelo Bulgarelli, attore e regista brasiliano, e Claudio Prima organettista e compositore salentino, hanno attivato un processo di ricerca di un linguaggio scenico originale. Questo processo ha luogo a partire dalla pratica, dal contatto e dal dialogo tra le dinamiche popolari (la musica, il gesto, la danza, le tradizioni, i riti) e i principi che costituiscono l'azione fisica all'interno del sistema di Biomeccanica teatrale di Meyerhold, incentrati sul lavoro dell'attore/danzatore/musicista, e lo studio, la conoscenza, la scoperta, la relazione, del e con il nostro corpo, come detentore dei nostri gesti, delle nostre posture, del nostro ritmo, delle nostre memorie, attraverso il quale ci "muoviamo" nel mondo. Questo linguaggio artistico è presente in tutti i percorsi di formazione laboratoriali e gli spettacoli de La Fabbrica dei Gesti.

Info
lafabbricadeigesti@gmail.com - 3475424126
www.facebook.com/lafabbricadeigesti

Related upcoming events

  • 2019-11-22 22:00 - 2019-11-22 23:59

    Mad Curly è un progetto che nasce nel 2016. Propongono un repertorio Funk/Soul che rivisita i brani di grandi artisti del panorama della musica internazionale (anche in chiave acustica): Stevie Wonder, Amy Winehouse, Paolo Nutini, Ed Sheeran, Vintage Trouble, fino alle sonorità moderne. La band è composta da Valentina Ricchiuto alla voce, Danilo Cacciatore al piano e synth, Filippo Longo alla batteria e Tonio Longo al basso. 

  • 2019-11-22 22:00 - 2019-11-24 23:59
  • 2019-11-22 20:15 - 2019-11-22 23:00

    19, 22 e 24 novembre 2019
    Corte De' Miracoli, via S. Cezza, 5-7, Maglie
    LA RIUNIFICAZIONE DELLE DUE COREE
    di Joël Pommerat
    Regia di Giulia Innocenti
    Musiche originali di Giacomo Innocenti

    🎭È uno spettacolo sull’amore. Il suo titolo, che ha un riferimento politico, in realtà è una metafora per descrivere quanto sia difficile e certe volte impossibile unirsi l’un l’altro, o anche solo trovarsi o ritrovarsi; quanto i rapporti amorosi siano difettosi, contorti e sempre più complessi.
    Composto da dieci quadri scenici, dove il linguaggio usato è contemporaneo e concreto, La riunificazione delle due Coree è un susseguirsi di emozioni, tra silenzi, ritmi incalzanti e situazioni tragicomiche, talvolta surreali. Si ride e ci si commuove, mentre gli attori scivolano da un ruolo all’altro, conservando sempre la coralità dello spettacolo.
    ----------
    🎫Prezzo biglietti: 10 €
     391 3119716

  • 2019-11-23 21:00 - 2019-11-23 23:59

    Ce l’avremo presente tutti, l’immagine di Eduardo De Filippo al balcone con la sua bella caffettiera napoletana che snocciola tutti segreti d’o’ccafè fatto a regola d’arte.
    Forse non tutti, però, ricordiamo il titolo della rappresentazione teatrale in cui l’abbiamo vista o del film (quello del ’54 con Renato Rascel o quello del ’67 con Vittorio Gassman). Ebbene, quell’opera è “Questi fantasmi!”, una delle più perfette commedie eduardiane.
    Scritto nel 1945, quando la guerra stava giusto per finire, e rappresentata l’anno successivo a Roma, “Questi fantasmi!” è stato anche lo spettacolo che per la prima volta ha portato il teatro dei De Filippo oltre i confini nazionali (Parigi – 1955).
    La perfezione di questa commedia sta nell’essere formalmente una classica commedia degli equivoci e dei tradimenti, con però tutta la maestria di un assoluto genio del palcoscenico come Eduardo.
    In un antico palazzo del centro di Napoli, prendono casa Pasquale Lojacono e sua moglie Maria. Sul palazzo aleggiano delle inquietanti leggende: si dice sia infestato di fantasmi ed è proprio per questi che Pasquale scambia le presenze di “intrusi” che altro non sono che l’amante di sua moglie e tutta una serie di altri stravaganti personaggi.
    La delicatezza con cui De Filippo tratteggia la storia, i sentimenti reali, le psicologie dei personaggi rendono “Questi fantasmi!” un modello che diverte –e tanto- senza cedere mai alla volgarità o al gusto di una risata scontata.
    Essenza ripesca un capolavoro del repertorio di Eduardo in cui, per la prima volta, l’autore dimostra tutta la sua caratura di artista europeo, andando a toccare le corde di una sensibilità non più solo partenopea o meridionale, ma autenticamente universale.

    Debutto: 23 e 24 novembre 2019 a
    Essenza teatro
    Corigliano d’Otranto, via Moncenisio 10
    [Spettacolo ore 21.00. Evento riservato ai soli soci. Contributo associativo €7 / spettacolo + aperitivo (a partire dalle 20.00) €12. info e prenotazioni 320.6494863].

  • 2019-11-24 22:00 - 2019-11-24 23:59
    Domenica 24 novembre arrivano i NINEBEAT !! band ormai consolidata nel loro genere dance che ripercorre tutta la piu' bella musica degli anni che contano!! non ti resta che prenotare il tuo tavolo migliore !! info 3334026088 3292203114
  • 2019-11-24 21:00 - 2019-11-24 23:59

    Ce l’avremo presente tutti, l’immagine di Eduardo De Filippo al balcone con la sua bella caffettiera napoletana che snocciola tutti segreti d’o’ccafè fatto a regola d’arte.
    Forse non tutti, però, ricordiamo il titolo della rappresentazione teatrale in cui l’abbiamo vista o del film (quello del ’54 con Renato Rascel o quello del ’67 con Vittorio Gassman). Ebbene, quell’opera è “Questi fantasmi!”, una delle più perfette commedie eduardiane.
    Scritto nel 1945, quando la guerra stava giusto per finire, e rappresentata l’anno successivo a Roma, “Questi fantasmi!” è stato anche lo spettacolo che per la prima volta ha portato il teatro dei De Filippo oltre i confini nazionali (Parigi – 1955).
    La perfezione di questa commedia sta nell’essere formalmente una classica commedia degli equivoci e dei tradimenti, con però tutta la maestria di un assoluto genio del palcoscenico come Eduardo.
    In un antico palazzo del centro di Napoli, prendono casa Pasquale Lojacono e sua moglie Maria. Sul palazzo aleggiano delle inquietanti leggende: si dice sia infestato di fantasmi ed è proprio per questi che Pasquale scambia le presenze di “intrusi” che altro non sono che l’amante di sua moglie e tutta una serie di altri stravaganti personaggi.
    La delicatezza con cui De Filippo tratteggia la storia, i sentimenti reali, le psicologie dei personaggi rendono “Questi fantasmi!” un modello che diverte –e tanto- senza cedere mai alla volgarità o al gusto di una risata scontata.
    Essenza ripesca un capolavoro del repertorio di Eduardo in cui, per la prima volta, l’autore dimostra tutta la sua caratura di artista europeo, andando a toccare le corde di una sensibilità non più solo partenopea o meridionale, ma autenticamente universale.

    Debutto: 23 e 24 novembre 2019 a
    Essenza teatro
    Corigliano d’Otranto, via Moncenisio 10
    [Spettacolo ore 21.00. Evento riservato ai soli soci. Contributo associativo €7 / spettacolo + aperitivo (a partire dalle 20.00) €12. info e prenotazioni 320.6494863].

  • 2019-11-24 18:00 - 2019-11-24 23:59

    DIVINA KILLS IN TRIO
    * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *
    ’80-'90 ROCK AND MORE

    Un tuffo nel passato, all’insegna dei successi degli anni ’80 e ’90 con i brani ROCK e alternative POP che hanno fatto la storia!
    Sarà un viaggio coinvolgente, alternato da sonorità potenti ed atmosfere intime e penetranti.
    Ripercorreremo i successi di Ac/Dc, David Bowie, Chris Cornell e Depeche Mode e tanti altre pietre miliari della storia del rock!
    Rivivrete BRANI MITICI come Billie Jean, Heroes, I love rock’n’roll, What’s Up e… Tanti altri!!!!!!

    DIVINA KILLS in trio:
    Elena Indigo / Voce e Chitarra Acustica
    Flavia Messinese / Chitarra
    Maria Elena Galasso / Batteria

  • 2019-11-24 17:15 - 2019-11-24 23:00

    19, 22 e 24 novembre 2019
    Corte De' Miracoli, via S. Cezza, 5-7, Maglie
    LA RIUNIFICAZIONE DELLE DUE COREE
    di Joël Pommerat
    Regia di Giulia Innocenti
    Musiche originali di Giacomo Innocenti

    🎭È uno spettacolo sull’amore. Il suo titolo, che ha un riferimento politico, in realtà è una metafora per descrivere quanto sia difficile e certe volte impossibile unirsi l’un l’altro, o anche solo trovarsi o ritrovarsi; quanto i rapporti amorosi siano difettosi, contorti e sempre più complessi.
    Composto da dieci quadri scenici, dove il linguaggio usato è contemporaneo e concreto, La riunificazione delle due Coree è un susseguirsi di emozioni, tra silenzi, ritmi incalzanti e situazioni tragicomiche, talvolta surreali. Si ride e ci si commuove, mentre gli attori scivolano da un ruolo all’altro, conservando sempre la coralità dello spettacolo.
    ----------
    🎫Prezzo biglietti: 10 €
     391 3119716

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com