Seleziona una pagina
View Calendar
2021-12-20 20:30 - 23:59

LUNEDÌ 20 DICEMBRE ALL'EX MACELLO DI CORSANO IL CONCERTO NATALIZIO "VOCI PER UN PRESEPE" CON ANTONIO CASTRIGNANÒ PER IL PROGETTO "MOSAICO DI ARTI E CULTURE".

Lunedì 20 dicembre al Lug - Centro Culturale Ex Macello di Corsano con il concerto natalizio “Voci per un presepe” si concludono gli appuntamenti del progetto "Mosaico di arti e culture", promosso da Tarantarte, con il sostegno della Regione Puglia, nell'ambito del Programma Straordinario 2020 in materia di Cultura e Spettacolo, e del Comune di Corsano e il partenariato del Distretto Puglia CreativaAlle 20:30 (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al 3492561471 e super green pass), Antonio Castrignanò (voce e tamburello), Luigi Marra (voce, violino e mandolino), Gianni Gelao (flauti e zampogna) e Rocco Nigro (fisarmonica e arrangiamenti) proporranno lo spettacolo “Voci per un presepe”, tratto dall'omonimo volume (libro e cd) di Wilma Vedruccio (Kurumuny, 2015). «C’era una volta il Natale», scrive Raffaele Gorgoni nella prefazione. «C’era una volta un'idea del mondo e il Natale era uno dei cardini sul quale quell’idea ruotava». Anche per chi vive tempi di disincanto e amaro esercizio di razionalità, il presepe e le sue figure di cartapesta hanno l'arcano inspiegabile potere di risvegliare la memoria del cuore: il ricordo incantato di colori, sapori, suoni delle feste dell’infanzia, quando «era pratica familiare che tramandava saperi e pupi». Voci per un presepe è un canto corale, in cui diversi armoniosi linguaggi, «legati dal senso dell’umano che si affaccia sulla soglia del divino», si fondono a raccontare un avvenimento millenario, parte imprescindibile della memoria storica occidentale. Le parole di Wilma Vedruccio, le tavole di Marco Musarò, la musica di Rocco Nigro ci restituiscono un Presepe dei Semplici, scavando nella retorica del superfluo alla ricerca del bandolo, linguistico e musicale, che attinga il senso dell’originaria espressione devozionale. Nella notte dei prodigi, palpitante di misteri celesti ma anche di un’umanità curiosa e accogliente, prendono così vita dodici personaggi erranti, orchestrati dall’affabulante lirica prosa di Wilma. Allora come oggi, partono all'avventura oltre i limiti conosciuti, inseguendo una cometa, paradigma dell’umana speranza di un mondo migliore. Queste Voci per un presepe propongono e reinterpretano un repertorio popolare che tratta la Natività in tutti i suoi aspetti, dall’invocazione religiosa alla convivialità di una festa di speranza e rinascita, al più terreno canto di questua: un’antologia di brani, tradizionali e d’autore, affidati a una lunga schiera di magistrali interpreti della scena musicale salentina.
 
Tarantarte nasce nel 2009 a Bologna dall’incontro di danzatrici di diversa formazione e si occupa di promuovere e approfondire lo studio delle danze popolari del Sud Italia e del Mediterraneo. L’associazione porta avanti attività di formazione, produce performance e spettacoli, propone animazione di comunità, cura una ricca progettazione e programmazione di eventi e rassegne artistico-culturali. L’associazione, inoltre, è capofila dell’ATS Ex-Macello che dal 2018 gestisce il Centro Culturale LUG - Ex Macello di Corsano, in provincia di Lecce. Il Centro è un laboratorio di comunità poli-artistico con sale prove dedicate a musica, teatro e danza, un bar, una sala per incontri, concerti e spettacoli e un ampio giardino. Il LUG ospita anche l’archivio D.A.M.A. con una selezione di libri, cd, tesi di laurea, articoli, dvd dedicati alla musica e alla cultura salentina. Tarantarte è attiva anche come compagnia composta da Silvia De Ronzo, Manuela Rorro, Laura De Ronzo e Alessandra Ardito e diretta da Maristella Martella. Con la sua danza teatrale, Tarantarte incrocia passato e presente, classico e contemporaneo, elementi popolari del sud Italia con elementi del mondo mediterraneo e propone una ricerca teatrale ed espressiva sul Tarantismo salentino e il mistero della trance. La compagnia negli anni ha realizzato le proprie performance in luoghi non convenzionali, antichi e a volte abbandonati, come vecchie masserie, ajare, chiostri, anfiteatri, teatri greci e romani, siti archeologici, attivando un’interazione tra luogo, performance e pubblico.

 
Ingresso gratuito con tessera associativa e super green pass
Prenotazione obbligatoria 3492561471 
info@tarantarte.it - www.tarantarte.it

Ufficio Stampa
Società Cooperativa Coolclub
Piazza Giorgio Baglivi 10, Lecce
ufficiostampa@coolclub.it - 0832303707
Pierpaolo Lala - pierpaolo@coolclub.it - 3394313397
Cristiana Francioso - cristiana@coolclub.it

Related upcoming events

  • 2023-01-28 21:00 - 2023-01-28 23:59
    La Festa continua!
    Sabato 28 gennaio nel borgo di Tiggiano tornano i sapori e le note della tradizione con il Capodanno contadino e il concerto di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds, inizialmente previsti in occasione della Festa di Sant’Ippazio ma rinviati a causa del maltempo.
    ...del resto recita il detto: «Santu Pati, o chiuviti o nivicati», tradotto: a Sant’Ippazio o piove o nevica!
    Ma niente paura: il nuovo appuntamento è questo sabato, 28 gennaio nel pressi della Chiesa di Sant’Ippazio. A partire dalle 18.30, il Capodanno contadino a cura del Comitato Festa di Sant’Ippazio, alle 21 il concerto di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds per la presentazione del nuovo disco “Babilonia”.
    Si comincia con i sapori di una volta: la paparotta ovvero la tipica “merenda contadina” fatta di rape, piselli e pezzi di pane soffritto, i pezzetti di cavallo, le polpette, gli gnummarieddhri, la carne lessa, le pittule, la trippa e tanti altri piatti tipici.
    Quest’anno la storica tradizione del Capodanno contadino viene riproposta a visitatori e curiosi come era una volta, per rinvigorire il corpo e la memoria, tra storie di famiglia e di comunità.
    Aedo della cultura contadina, “sciamano” della musica popolare salentina, Antonio Castrignanò porta a Tiggiano il suo nuovo lavoro, “Babilonia”: un viaggio corale che parte dal Sud dell’Italia e tocca il Mediterraneo, alla scoperta di lingue, culture e ritmi differenti, tra brani inediti, arrangiamenti originali, nuove esperienze, melodie che intrecciano luoghi distanti come l’Africa Sub Sahariana, la Turchia, l’India. Si parte da Sud e si torna a Sud, passando anche dai pezzi “storici” più conosciuti e amati di Castrignanò, accompagnato dall’energia di Taranta Sounds.
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com